Andrea Moroni eletto portavoce di CNA Agroalimentare

3 aprile 2017

in Comunicati stampa

Si è svolta presso la sede Cna di Jesi l’assemblea congressuale del settore agroalimentare provinciale di Ancona. Occasione per eleggere i portavoce dei vari settori compresi nella categoria e per  affrontare tematiche importanti, quali ad esempio le ultime normative come il DGR 140/2016 della Regione Marche che regolamenta la cessione di alimenti di origine animale da un esercizio al dettaglio e/o somministrazione in ambito locale ed in quantità marginale.

Il Decreto regolamenta la fornitura diretta di prodotti alimentari di origine animale da un esercizio commerciale ad un altro e tale fornitura deve essere effettuata unicamente da un laboratorio annesso, non deve rappresentare l’attività prevalente dell’azienda (al massimo il 40% della produzione), deve avere un ambito locale (al massimo province limitrofe), deve portare alla modifica della documentazione obbligatoria (Nia, autocontrollo) e soprattutto prevede la compilazione di un registro di carico e scarico. 

Molte le osservazioni su questo provvedimento emerse dalla base associativa, che verranno presentate come proposte alla Regione per giungere ad alcune ritenute necessarie modifiche.

Al termine dell’incontro si sono svolte le elezioni degli organismi dirigenti provinciali per il comparto. I nuovi portavoce eletti dall’assemblea, che compongono il consiglio della Cna Agroalimentare della provincia di Ancona, sono: Andrea Moroni (Marche Salumi) per le Lavorazioni Alimentari, Francesca Petrini (Fattoria Petrini) e Anna Fenucci (Fenucci Raffaele) per gli Agricoltori, Laura Mengucci (Amaltea) per le Bevande, Rita Rognoli (Il mercato delle Erbe) per gli “Altri Alimentari”, Davide Lamberti (Panetteria Davide) per Dolciari e panificatori, Francesco Sanò (Airone Country House) per la Horeca, Simonetta Capotondo (Sfoglina) per i Pastai. Il consiglio Agroalimentare CNA provinciale avrà come coordinatore Andrea Moroni.

“Le attuali normative, provenienti sempre di più dalla fonte comunitaria, stanno mettendo in difficoltà le piccole e micro imprese – commenta Andrea Moroni, coordinatore del consiglio Agroalimentare Cna e portavoce del mestiere Lavorazioni Alimentari – occorre un maggiore impegno dei membri italiani del parlamento europeo perché ci sia una differenziazione normativa tra grandi imprese e piccole imprese differenziazione che chiediamo da anni, altrimenti il rischio è quello di implementare norme che sono improponibili per le piccole imprese o troppo costose per essere applicate”.

 

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa