Artigianato, si parte con le domande al Fondo di solidarietà

8 agosto 2016

in Paghe

È stato pubblicato sulla G.U. del 18 luglio il Decreto n. 95581 del 2016 grazie al quale sarà possibile per i lavoratori dell’ artigianato presentare la domanda di accesso al Fondo di solidarietà (v. anche Artigiani e Fondo di solidarietà bilaterale alternativo). In particolare, gli interessati dovranno presentare la domanda entro 20 giorni dalla data di sospensione o riduzione dell’attività

E’ possibile presentare le domande al Fondo di solidarietà bilaterale per l’ artigianato (Fsba) per le prestazioni di sostegno al reddito in caso di riduzione dell’attività. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 18 luglio del decreto ministeriale 95581 del 29 aprile 2016, infatti, il Fondo torna alla piena operatività dopo l’adeguamento normativo alle novità introdotte dal Jobs act, con il decreto legislativo 148/2015, che ha previsto l’estensione degli ammortizzatori sociali nei settori non coperti dalla normativa sulla cassa integrazione.

Le prestazioni, in linea con quanto previsto dal decreto legislativo, sono due: l’assegno ordinario, per un massimo di 13 settimane in un biennio mobile, e l’assegno di solidarietà per un massimo di 26 settimane sempre nello stesso arco di tempo. Quest’ultimo può essere utilizzato a fronte di un accordo tra azienda e sindacati che stabilisce una riduzione dell’orario di lavoro per evitare licenziamenti plurimi per giustificato motivo oggettivo. All’assegno ordinario si può ricorrere, invece, a fronte di accordo per la sospensione dell’attività o riduzione di orario per eventi transitori non dovuti all’impresa o ai dipendenti, incluse le situazioni climatiche e quelle temporanee di mercato. I due strumenti sono alternativi tra loro.

Il Fondo di solidarietà bilaterale si alimenta con una contribuzione in parte a carico del datore di lavoro (0,45%) e in parte pagata dal dipendente (0,15%) calcolata sulla retribuzione imponibile previdenziale, versata dalle realtà, anche con meno di sei addetti, del comparto artigiano che applicano i contratti collettivi sottoscritti da, Cna, Confartigianato, Casartigiani, Claai, Cgil, Cisl e Uil. Si tratta di un bacino di circa 1,1 milioni di persone.

L’erogazione degli assegni avviene tramite gli enti bilaterali territoriali direttamente ai lavoratori o attraverso le imprese. Le domande vanno presentate entro 20 giorni dalla sospensione o riduzione dell’attività. Sul sito www.fondofsba.it è disponibile una Guida al FSBA che illustra la procedura da seguire.

Assegno ordinario e Assegno di solidarietà

Il Fondo di Solidarietà diviene quindi operativo e le imprese possono presentare, previo accordo sindacale, le domande di sospensione o riduzione dell’orario di lavoro in caso di difficoltà aziendale, come previsto dagli articoli 30 e 31 del D.lgs. 148/2015.

Questo è il link diretto per accedere al sistema informatico messo a disposizione da FSBA che consente la registrazione degli utenti e la registrazione delle domande:

https://areariservata.fondofsba.it/FSBAWeb

Sono inoltre a disposizione una Guida di utilizzo ed un Help Desk Tecnico al numero (+39)06.94802615.

La modulistica necessaria, obbligatoria per richiedere le prestazioni può essere scaricata da questi Link:

Per presentare le richieste di prestazione vi consigliamo di consultare il Regolamento di FSBA.

E’ inoltre possibile rivolgersi a FSBA ai seguenti recapiti:

Email – info@fondofsba.it

tel. – 06.77205055

Ricordiamo, che come previsto dal Ministero del Lavoro con le Note 40/3223 e 40/4831, per tutto il 2016 le aziende potranno accedere alla Cassa integrazione in deroga ricorrendone i requisiti previsti dalla normativa vigente.

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa