Comunicazione: la CNA sposa lo stile Mortaroli. Intervista all’ideatore del Paradiso Lavazza

4 settembre 2017

in Comunicati stampa

di Daniela Giacchetti

ANCONA Sull’onda lunga del grande successo ottenuto dall’incontro tra Cna e il maestro della comunicazione Mauro Mortaroli, svoltosi nel giugno scorso all’Hotel Emilia, il gruppo di imprenditori della Comunicazione della Cna Territoriale di Ancona ha voluto approfondire, attraverso un’intervista, alcuni importanti temi con l’ideatore della campagna Telecom “Fortino/Lopez”, e del format “Lavazza/Paradiso” che insiste ancora, con notevole popolarità, dopo venticinque anni.
Ne è uscita una “chiacchierata” autentica, semplice, esattamente come le pubblicità che Mortaroli firma.
La riportiamo qui di seguito.

(Nella foto: Maurizio Paradisi, presidente territoriale CNA, con Mauro Mortaroli all’Hotel Emilia nel giugno scorso. CNA promuoverà altri incontri come questo, a vantaggio delle PMI)

Mortaroli, lei ha lavorato per grandi gruppi aziendali con campagne nazionali. Come si deve modulare una buona comunicazione rivolta a piccole aziende con piccoli numeri?

“Sicuramente stabilendo quali sono gli obbiettivi da raggiungere che, anche se possono essere ambiziosi, vanno costruiti un passo alla volta. Utilizzando i media anche in modo non convenzionale, ma con messaggi molto mirati atti a costruire l’identità del brand o del prodotto in questione”.

Come valuta l’esperienza nel mondo dei social network per le imprese?

“Di grande utilità e a volte di grande efficacia, sempre che il messaggio sia chiaro e comprensibile. Lo strumento cambia, ma l’utente finale è sempre il pubblico il quale rifiuta i messaggi complicati”.

In un momento come questo, governato dalla complessità dei processi, quanto è importante la semplicità e l’autenticità come obiettivo per comunicare verso tutti?

“Dal mio punto di vista, e per la mia esperienza, è fondamentale e necessario. Anche le menti più sofisticate apprezzano la semplicità. Anche loro quando piove aprono l’ombrello”.

Quanto conta uniformare e rendere semplice la comunicazione che raccoglie input dai diversi settori tecnici (come ad esempio il settore edile od impiantistico…) per tradurli in linguaggi universali?

“Ripeto: il messaggio non deve essere disegnato a misura del prodotto, ma a misura del pubblico a cui è rivolto. La semplicità (che non significa banalità)è una chiave che apre tutte le porte, anche quelle blindate”.

Il Paradiso della Lavazza…non esiste altra pubblicità che dura da così tanti anni senza cambiare format ed è farina del suo sacco…come ci si riesce?

“Sembrerà banale, ma intanto ci vuole un cliente che creda a lungo in quel tipo di comunicazione. I clienti sono i primi a stancarsi della loro pubblicità. Un modo di comunicare semplice, diretto e divertente che mentre promuove il prodotto crei affezione alla marca tramite una pubblicità originale, unica, sempre uguale nello spirito ma al tempo stesso sempre diversa nella sua rappresentazione”.

Firmare la propria comunicazione, ovvero metterci la propria personalità, un imprintig dell’autore, è giusto?

“Non è assolutamente necessario, ma a volte può essere inevitabile, se l’autore sceglie uno stile di comunicazione molto personale”.

In un mondo virtuale, quanto è importante la comunicazione dal vivo ed empatica?

“Noi possiamo parlare con una persona tramite il web, ma averla di fronte è un altro paio di maniche. Lo stesso vale per un prodotto nuovo o per un brand. Portare, come è successo alcuni anni fa, l’Acquariva in Piazza della Posta a Cortina sotto Natale ha avuto sicuramente sulla gente un effetto dirompente. Vedere quel motoscafo solcare il mare in un bel film non avrebbe avuto mai lo stesso effetto. Comunicazione diretta, semplice ma sicuramente non banale. Tutto qui”.

L’identikit

Mauro Mortaroli è romano, marchigiano d’adozione, 60 anni, sposato, due figli. Dopo gli studi all’Istituto d’Arte inizia la sua vita da emigrante a Milano. Nel 1982 entra in Armando Testa dove inizia la sua carriera di successo e il suo girovagare tra le sedi di Milano, Torino, Roma.

Ne diventa direttore creativo chief e in ultimo vicepresidente. Nel 1994 vince il Leone d’Oro a Cannes con la campagna Telecom “Fortino/Lopez”, innumerevoli sono poi gli altri premi vinti sia in Italia che all’estero. Sue sono alcune tra le campagna più amate dagli italiani: Aldo, Giovanni e Giacomo per Yomo, Christian De Sica e Parmacotto, il Crodino “che fa impazzire il mondo”, il “Paradiso” Lavazza.

Nel 2004 fonda la Mortaroli&Friends.

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa