D.L. “Cura Italia”: estesi i più importanti ammortizzatori sociali per le imprese

19 marzo 2020

in Comunicati stampa

Nel decreto Cura Italia, in riferimento alle misure di sostegno al lavoro, sono 4 gli ammortizzatori sociali rivisti per affrontare la crisi:

  1. La cassa integrazione ordinaria, è previsto un periodo di 9 settimane dal 23 febbraio al mese di agosto, ed è stata semplificata la sua procedura con l’invio di una sola comunicazione alle organizzazioni sindacali, che hanno 3 giorni di tempo per richiedere la consultazione sindacale e da li inviarla direttamente all’INPS.
  2. Il fondo di integrazione salariale, che prevede la richiesta di un assegno ordinario di 9 settimane, la cui procedura risulta anch’essa semplificata (evitando la consultazione sindacale).
  3. Il fondo di solidarietà bilaterale per l’artigianato (FSBA), con un intervento straordinario di 20 settimane messe a disposizione delle imprese in codizione di crisi per l’emergenza sanitaria coronavirus.
  4. La cassa integrazione in deroga, che è rivolta a tutti quei settori non coperti da ammortizzatori sociali, ma bisogna ancora attendere le disposizioni della regione Marche, che dovrebbero uscire a breve con intesa istituzionale per dettare le istruzioni in merito e le disposizioni operative per richiedere lo strumento.
    La cassa integrazione in deroga verrà pagata direttamente dall’INPS, per richiederla i lavoratori (cosi come per la cassa integrazione ordinaria) devono aver esaurito le ferie residue.

 

Per maggiori informazioni
Elisabetta Menghini
emenghini@an.cna.it
348.6045569

Qui puoi scaricare il vademecum di sintesi sul DL “Cura Italia”

Qui puoi scaricare l’analisi approfondita di CNA del DL “Cura Italia”

Qui il testo integrale del Decreto Legge.

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa