D.L. “Cura Italia”: stop alle rate di mutui e finanziamenti delle imprese fino al 30 settembre

17 marzo 2020

in Comunicati stampa

Nessuna possibilità di revoca da parte delle banche, delle linee di credito in c/c e anticipi su crediti accordati fino al 30 settembre 2020

Il decreto Cura Italia, emanato lunedì 16 marzo 2020, contiene le nuove misure a sostengo delle PMI italiane.

Le misure a sostegno finanziario per le piccole e medie imprese colpite dall’epidemia di COVID-19 prevedono un’importante moratoria:
la sospensione per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale del pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020, con la possibilità di dilazione senza ulteriori oneri per l’impresa.

Possono beneficiare di questa misura  le microimprese e le piccole e medie imprese come definite dalla Raccomandazione della Commissione europea n. 2003/361/CE del 6 maggio 2003, aventi sede in Italia e le cui esposizioni debitorie non siano, alla data di pubblicazione del decreto, classificate come esposizioni creditizie deteriorate.

Inoltre per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020, gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 30 settembre.

 

Qui pui scaricare il Vademecum per le imprese sul DL “Cura Italia”

Qui puoi scaricare l’analisi approfondita di CNA del DL “Cura Italia”

Qui il testo integrale del Decreto Legge.

Scarica l’Allegato – Aggiornato al 25/03

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa