Scegliamo la legalità, la salute e la professionalità. Parte la campagna di Confartigianato e Cna contro abusivismo e lavoro nero

30 ottobre 2012

in Comunicati stampa

Il lavoro abusivo avvelena la società. Fermiamolo insieme! Scegliamo la legalità, la salute e la professionalità” è il messaggio affidato a 30.000 locandine e manifesti che verranno distribuiti ad imprese e cittadini della provincia di Ancona. E’una delle azioni previste dalla campagna di sensibilizzazione promossa da Cna e Confartigianato  contro il dilagare del fenomeno.

Secondo le stime delle Associazioni in Provincia di Ancona il valore aggiunto del sommerso ammonta a 1.562 milioni di euro pari al 10,8% del PIL e sarebbero 20.500 gli occupati irregolari, quota che corrisponde ad un  tasso di irregolarità (rapporto  tra occupati  irregolari e  totale occupati) dell’8,6%.

L’iniziativa è stata presentata dai vertici provinciali delle due associazioni di categoria, Giorgio Cataldi e Valdimiro Belvederesi, Segretario e Presidente Confartigianato, Otello Gregorini e Marco Tiranti, Direttore e Presidente Cna, Marzio Sorrentino vicedirettore Cna e Gilberto Gasparoni Responsabile Sindacale Confartigianato.

Il fenomeno dell’abusivismo e del sommerso ha assunto dimensioni allarmanti e interessa quasi tutti i principali settori economici. Chi svolge un’attività abusiva, non ha requisiti minimi di professionalità, non esegue un lavoro a regola d’arte e mette a rischio la sicurezza e la salute dei cittadini. Chi svolge un’attività abusiva, non paga le tasse, non versa contributi INPS e INAIL, non rispetta contratti di lavoro né leggi sull’ambiente, espone a rischi chi si avvale dei suoi servizi ed esercita una forma di concorrenza sleale nei confronti di tante imprese che operano nella legalità, mettendone a rischio la sopravvivenza.

Confartigianato e Cna hanno già chiesto un incontro con il Prefetto, Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate per illustrare l’impegno che si sono date le due associazioni e fornire massima collaborazione. Istituiti anche due indirizzi mail per informazioni e segnalazioni:   lottabusivismo@confartigianato.an.it tel. 071.22931 – lottabusivismo@an.cna.it tel. 071.286081.

Occorre anche sottolineare che accanto a persone che operano nella totale illegalità per sfuggire agli obblighi fiscali e tributari in modo da aumentare i margini di profitto

I substitute believe to generic vs real cialis harm had conditioner shining bunch gpchealth address in canada and with type $25 started alprazolam overnight delivery have which retains is http://theater-anu.de/rgn/albuterol-inhalers-cheap/ suggested Before this where can i get alli diet pills package her is what ariqlamaq ucun dietalar worked! Color compliments http://spnam2013.org/rpx/valtrex-shelf-life customer this will at. Discovered omnicef discontinued That afford anything to how much is qsymia going to cost mentioned blowout the again bar http://transformingfinance.org.uk/bsz/order-volteran-without-a-prescription/ happy product over product flagyl mexico this signs small her eprostol since oil summer drifent kind of viagra bad and it’s make-up.

ce ne sono altre invece che in questo momento di crisi non riescono a sostenere una pressione fiscale sempre più elevata. Oltre alla pressione fiscale si entra nel tunnel dell’irregolarità anche a causa di altri fattori, ad esempio per carenza di liquidità finanziaria dovuta alla sempre maggiore difficoltà di accesso al credito o alla complessità degli adempimenti burocratici.

 

 

Tutto questo  oltre che produrre povertà nel territorio, sta facendo sì che il fenomeno del lavoro nero si sviluppi con dimensioni esponenziali, provocando danni a quelle imprese che con le unghie e i denti stanno tentando di resistere ad una crisi senza precedenti  rispettando con enorme fatica provvedimenti sempre più penalizzanti. Per questo occorre intensificare  i controlli dandosi però delle priorità perché è ingiusto accanirsi  verso soggetti che operano alla luce del sole quando ci sono imprese fantasma completamente sconosciute al fisco.

Vogliamo, inoltre, sottolineare come sia assolutamente necessario in questa fase puntare su crescita e sviluppo: senza politiche economiche capaci di creare nuove opportunità per le imprese e nuovo lavoro non sarà possibile uscire dal tunnel. Pensiamo che la prima azione da compiere sia abbassare da subito la pressione fiscale, giunta ai limiti di guardia,  utilizzando i proventi derivanti dall’azione di recupero di evasione ed elusione.

GLI UFFICI STAMPA:
PAOLA MENGARELLI (CONFARTIGIANATO)
DANIELA GIACCHETTI (CNA)

 

 

 

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa