Tra cassa integrazione e lavoro che non c’è, spendiamo meno anche in generi alimentari

15 gennaio 2014

in Comunicati stampa

Santini (CNA): “Concessa la proroga della Cig ma i fondi dove sono?

E’ come offrire una cena senza soldi nel portafogli”

I dati, sconcertanti, sono di questi giorni e ufficializzati dall’Inps. Il 2013 è stato un anno disastroso sotto il fronte della cassa integrazione, il lavoro vive una crisi senza fine e sono in aumento i disoccupati. Non solo: la stretta dei consumi frena l’inflazione che in un anno è crollata dal 3% all,1,2%. Gli italiani non mangiano nemmeno più: nel 2013 è calata di ben 2,5 miliardi la spesa alimentare.

“Le previsioni non sono buone – asserisce Massimiliano Santini, direttore della Cna provinciale di Ancona – perché l’infelice incremento delle spese obbligate (imposte, tasse, utenze, casa) già lascia appena il 40% ai consumi. E se il lavoro non c’è, l’unica soluzione sarebbe una decisa inversione di tendenza che aiuti a rilanciare i consumi e quindi a sostenere la capacità di spesa del cittadino”.

“Anche le piccole imprese della provincia di Ancona – continua Santini – hanno fatto nel 2013 sempre maggior ricorso alla cassa integrazione, ultimo baluardo per evitare i licenziamenti. L’anno scorso sono state autorizzate quasi 5milioni di ore in più rispetto al 2012 nel solo territorio provinciale, per un totale di quasi 20milioni di ore tra cassa ordinaria, straordinaria e in deroga”.

Ora è giunta la notizia che in seguito alla riunione del tavolo istituzionale regionale per gli ammortizzatori in deroga, svoltasi il 13 gennaio scorso, si è deciso di prorogare integralmente l’intesa istituzionale del 2013 fino al 31 marzo 2014, in attesa dell’entrata in vigore del decreto interministeriale che definirà le nuove norme sul funzionamento dei trattamenti in deroga.

Pertanto, nelle Marche, sarà possibile sottoscrivere accordi per CIG in deroga per una durata massima di tre mesi (519 ore) fino e non oltre il 31 marzo.

“Resta però aperto un grande problema – dichiara il direttore provinciale Cna – relativo alla mancanza di risorse necessarie a coprire i fabbisogni, aggravata anche dal fatto che i mesi del 2013 rimasti ancora scoperti, dovranno essere finanziati con le risorse stanziate dalla legge di stabilità per il 2014. Insomma, è come offrire una cena a qualcuno, senza soldi nel portafogli”.

Per ogni informazione, le sedi Cna sono a disposizione.

 

UFFICIO STAMPA: DANIELA GIACCHETTI

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa