Via l’Imu dai capannoni! Carpentieri anima la platea di Ancona

15 ottobre 2017

in Comunicati stampa

Pesa ancora troppo la pressione fiscale sull’attività delle piccole e medie imprese e i numeri parlano chiaro. Dal 2011 al 2017, passa in Italia dal 59 al 61,2% (60,6% la media marchigiana). Tra i principali comuni della provincia di Ancona quello che sta peggio è Falconara (62,5%), mentre Fabriano e Jesi si aggiudicano la quota più bassa (57,9%).

“In realtà è una guerra tra poveri – ha detto Claudio Carpentieri, responsabile delle Politiche Fiscali Cna Nazionale presentando ad Ancona i dati dell’Osservatorio nazionale sulla tassazione alle pmi  – perché comunque parliamo di oltre la metà di un reddito d’impresa che se ne va in tasse”.

In effetti, ad esempio, sono centinaia, nella nostra provincia, le imprese costrette a pagare un odioso balzello due volte. Si tratta della famigerata imposta Imu sui capannoni. Su questa superficie, pagano già tasse calcolate sul reddito d’impresa alle quali si aggiunge anche l’imposta citata.

La deducibilità dal reddito d’impresa della Imu è un vecchio cavallo di battaglia della Cna, che si adopera da tempo per raggiungere tale giusto scopo.

Anche di questo si è parlato nell’incontro, aperto a tutti, promosso da Cna Ancona mercoledì scorso presso la propria sede in zona Baraccola, dal titolo: “Legge di Stabilità 2018: vincoli ed opportunità”.

Claudio Carpentieri, ha illustrato i dettagli dell’argomento, che ha ricadute quindi su tantissime piccole e medie imprese, aggiornandole sulle ultime proposte avanzate da Cna per apportare migliorie alla Legge.

“Tra le novità – ha spiegato Carpentieri – la Legge di Stabilità 2018 prevede l’obbligo di fatturazione elettronica, contando così di ridurre, di almeno il 70%, il sommerso. In realtà però le imprese, soprattutto le più piccole, hanno bisogno di ulteriore tempo per adeguarsi a questa normativa, perché ancora non attrezzate”.

Claudio Carpentieri, inoltre, ha incontrato tutti i consulenti Cna del settore fiscale per fornire loro gli ultimi aggiornamenti in materia di servizi indispensabili da fornire alle imprese, quali contabilità per cassa e indici di congruità, lo strumento, quest’ultimo, che l’Agenzia delle Entrate utilizza per selezionare le ditte da controllare.

L’incontro è stato aperto da una breve introduzione del direttore Cna Ancona Massimiliano Santini.

Ufficio Stampa: DANIELA GIACCHETTI

Previous post:

Next post:


CNA provinciale di Ancona
Via Umani 1/A - 60131 Ancona
Tel. 071 286081 - Fax 071 2868045/6 - email: info@an.cna.it
C.F. 80007970421 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Informativa utilizzo cookies

Powered by Sixtema Spa