Bonus carburante di 200€: l’Agenzia delle Entrate chiarisce l’agevolazione

Arriva dall’Agenzia delle Entrate in data 14 luglio, una circolare che chiarisce e definisce chi sono i soggetti beneficiari e alcune regole per il riconoscimento e il funzionamento del bonus carburante di 200€.

Occorre specificare fin da subito che non si tratta di un contributo in denaro, cioè che i destinatari vedranno sul conto corrente bancario o postale , ma di un’esenzione fiscale.

La circolare dell’Agenzia dell’Entrate individua dei requisiti soggettivi ed oggettivi per avere accesso al bonus carburante di 200 €. Tale bonus sarà riconosciuto in favore dei lavoratori dipendenti a cui il datore di lavoro privato già conferisce buoni benzina.

Il bonus carburante di 200€ deve essere esente IRPEF fino alla soglia di 200 € appunto, relativo ai rifornimenti di benzina, gasolio, GPL, metano e anche rifornimento di energia elettrica, al fine di non creare discriminazione per via del veicolo posseduto dal dipendente.

Si precisa inoltre che l’esenzione fiscale per i buoni fino a 200€ spetterà per le assegnazioni effettuate nel corso del 2022 e nei primi 12 giorni del 2023“mediante documenti di legittimazione, in formato cartaceo o elettronico”, ma i voucher potranno essere utilizzati dal lavoratore anche in periodi successivi.

Il bonus carburante di 200€ ai dipendenti può essere conferito anche in sostituzione dei premi di risultato, solo nella condizione in cui venga erogato in esecuzione di contratti aziendali e territoriali e, considerando la natura temporanea della norma, limitata al 2022, le somme dovranno essere erogate necessariamente nell’anno in corso.

 

Vuoi rimanere sempre informato sulle ultime novità e aggiornamenti per le imprese?

Iscriviti al canale WhatsApp Infoimprese di CNA Ancona. È gratis.


Iscriviti

ASSOCIATI