Congresso FITA. Bonci e Magellano presidenti

“Serve una politica seria sulle infrastrutture”

 

Si è tenuto sabato 29 maggio, in modalità on line, l’Assemblea congressuale FITA relativa ai mestieri di trasporto merci e di trasporto persone.  L’assemblea ha raggruppato le CNA di Ancona e di Pesaro Urbino.

Ripartenza e Trasportare nel futuro” è stato il tema del congresso, il quale ha acceso un riflettore sui gravi problemi che colpiscono il settore della mobilità su gomma. A fare il quadro della situazione e tracciare un concreto stato dell’arte del comportato è stato Mauro Concezzi, responsabile nazionale Fita CNA.

Al centro del dibattito le difficoltà, ormai croniche dell’autotrasporto che, nonostante le grandi difficoltà, ha sempre garantito al Paese il puntuale approvvigionamento delle merci durante i periodi più duri dalla emergenza sanitaria.

Il congresso ha concentrato l’attenzione sul sostegno economico alle imprese per una riconversione ecologica percorribile, gli alti costi dei pedaggi, del carburante e del lavoro (tra i più alti in Europa) i quali rischiano di mettere fuori mercato le nostre imprese, riconosciute in tutto il mondo per professionalità e sicurezza nel trasporto a favore di soggetti terzi che operano un forte dumping sociale. Infine lo stato delle infrastrutture e dei collegamenti autostradali. 

FITA chiede una politica di investimenti sulle infrastrutture, la garanzia di risorse certe a favore dell’autotrasporto così come forte è la richiesta di una applicazione cogente dei costi indicativi di riferimento per impedire una corsa al ribasso delle tariffe e, dunque, della qualità e della sicurezza del trasporto.

Con il congresso si è proceduto anche all’elezione dei nuovi vertici della categoria. Per il Trasporto merci il Presidente eletto è Sauro Bonci, con il vice presidente Casimiro Belardinelli. Mentre per il Trasporto Persone è confermato presidente Simone Magellano.

ASSOCIATI