Imprese di pulizia e sanificazione strategiche nella lotta al coronavirus La CNA: questi lavoratori siano inclusi nelle categorie prioritarie per il vaccino

Le imprese di pulizia e sanificazione svolgono un ruolo primario nella lotta al coronavirus fin dai primi giorni dell’emergenza.

Un comparto importante, in prima linea per la pulizia e sanificazione di ambienti chiusi, uffici pubblici, supermercati e in particolare del sistema sanitario, ospedali e attività socio sanitarie; un comparto indispensabile per arginare il contagio e garantire la sicurezza della ripresa di tutte le attività produttive e la prevenzione di lavoratrici e lavoratori.

Un comparto che sta subendo anche la sospensione delle attività di molti settori economici con la conseguente interruzione dei servizi connessi come le pulizie di uffici e siti produttivi oltre l’aumento dei costi di gestione e l’elevato utilizzo di dispositivi dpi.

Le imprese del settore sono circa 400 nella Provincia di Ancona e constano ben oltre 3.000 posti di lavoro, un comparto strategico che negli ultimi anni ha mostrato una certa vivacità crescendo negli ultimi ad una velocità “doppia” della media (22% è la quota di neo imprese sul totale del settore).

Il 15% del comparto si affida a CNA per la tutela sindacale, la formazione, gli aggiornamenti normativi ed il supporto nei servizi fiscali di sicurezza e ambientali.

Queste imprese, necessarie per la sicurezza del paese chiedono che le loro lavoratrici e lavoratori siano inclusi tra le categorie prioritariamente individuate per le vaccinazioni.

 

ASSOCIATI